原创文学网(htwxw.com)
当前位置: 首页 > 则何以哉 > 内容详情

意大利语阅读资料:《木偶奇遇记》5_意大利语考试

时间:2018-06-01来源:江湖之路网 -[收藏本文]

5. Pinocchio ha fame, e cerca un uovo per farsi una frittata; ma sul più bello, la frittata gli vola via dalla finestra.
  Pinocchio e il pulcino
  Intanto cominciò a farsi notte, e Pinocchio, ricordandosi che non aveva mangiato nulla, sentì un'uggiolina allo stomaco, che somigliava moltissimo all'appetito.
  Ma l'appetito nei ragazzi cammina presto; e di fatti dopo pochi minuti l'appetit那里治疗癫痫病o diventò fame, e la fame, dal vedere al non vedere, si convertì in una fame da lupi, una fame da tagliarsi col coltello.
  Il povero Pinocchio corse subito al focolare, dove c'era una pentola che bolliva e fece l'atto di scoperchiarla, per vedere che cosa ci fosse dentro, ma la pentola era dipinta sul muro. Figuratevi come restò. Il suo naso, che era già lungo, gli diventò più lungo almeno quattr常德癫痫早期如何治疗o dita.
  Allora si dette a correre per la stanza e a frugare per tutte le cassette e per tutti i ripostigli in cerca di un po' di pane, magari un po' di pan secco, un crosterello, un osso avanzato al cane, un po' di polenta muffita, una lisca di pesce, un nocciolo di ciliegia, insomma di qualche cosa da masticare: ma non trovò nulla, il gran nulla, proprio nulla.
  E intanto la fame cresceva, 青少年癫痫病吃什么药e cresceva sempre: e il povero Pinocchio non aveva altro sollievo che quello di sbadigliare: e faceva degli sbadigli così lunghi, che qualche volta la bocca gli arrivava fino agli orecchi. E dopo avere sbadigliato, sputava, e sentiva che lo stomaco gli andava via.
  Allora piangendo e disperandosi, diceva:
  "Il Grillo-parlante aveva ragione. Ho fatto male a rivoltarmi al mio babbo e a fuggire 癫痫病能治好了吗di casa... Se il mio babbo fosse qui, ora non mi troverei a morire di sbadigli! Oh! che brutta malattia che è la fame!"
  Quand'ecco gli parve di vedere nel monte della spazzatura qualche cosa di tondo e di bianco, che somigliava tutto a un uovo di gallina. Spiccare un salto e gettarvisi sopra, fu un punto solo. Era un uovo davvero.
  La gioia del burattino è impossibile descriverla